Una Mente Inquieta di Kay Redfield Jamison – Consigli di Lettura

Copertina libro Una Mente Inquieta di Kay Redfield Jamison

In Una Mente Inquieta, Kay Redfield Jamison, specialista dei disturbi dell’umore presso la prestigiosa università Johns Hopkins, viene a capo del suo disturbo dell’umore: il bipolarismo. Meno amara e difensiva di Kate Millett (The Loony-Bin Trip, 1990) nello scrivere di questa malattia, la Jamison ha una cosa in comune con lei: la riluttanza a prendere il litio, nonostante la sua conoscenza come professionista che controllerebbe i suoi umori estremi. Perché il rifiuto? Perché, afferma la Jamison, i periodi di lieve mania, o ipomania, sono “ stati assolutamente inebrianti che hanno dato origine a un grande piacere personale, un flusso incomparabile di pensieri e un’energia incessante ”.

Tuttavia, ora la Jamison prende diligentemente il suo litio, dopo essere stata ostacolata per anni da cicli di mania estrema (notti insonni, caos mentale, shopping compulsivo per una spesa totale di oltre 30.000 dollari) e depressione suicida.

La malattia cominciò a manifestarsi dopo che il delicato equilibrio della sua vita familiare fu interrotto. In un libro di memorie altamente fluido e leggibile, la Jamison descrive meravigliosamente la sua infanzia, catturando sia la “ storia d’amore che la disciplina ” della vita militare. Ma nel 1961, quando aveva 15 anni, il padre di Jamison si ritirò dall’Aeronautica Militare e la famiglia si trasferì in California. Suo padre, un uomo fantasioso, giocoso e carismatico, iniziò a mostrare segni di disturbo bipolare, e qualche anno dopo lo stesso fece la Jamison.

Sempre appassionata, curiosa, indipendente, ora è soggetta a paralizzanti cambiamenti d’umore quando inizia una carriera accademica di successo e attraversa un matrimonio fallito, relazioni amorose e un nuovo matrimonio. La Jamison è convincente sulla seduttività dell’ipomania. Ma l’autrice di Toccato dal Fuoco (1993), che sottolineava un legame tra il temperamento artistico e il disturbo bipolare, qui si spinge oltre nel rivendicare la superiorità della sua esperienza personale: ha vissuto più autenticamente e intensamente delle persone i cui umori sono meglio calibrati (“ Ho corso più veloce, pensato più velocemente, ho amato più velocemente della maggior parte della gente”). Nel complesso, il libro della Jamison è una rappresentazione ben scritta e vivida del bipolarismo.

Articolo di riferimento in inglese

Rispondi