Depressione Bipolare: Non Sei una Brutta Persona

Uomo con braccia aperte - Depressione Bipolare: Non sei una brutta persona

Abbandona l’idea che siano la colpa e la paura che provi a definirti come “brutta
persona”, sono solo sintomi della depressione bipolare.

Per anni ho pensato di essere una brutta persona. Perché mi sentivo così in colpa e perché ero perseguitato dalla paura, dalla colpa e dall’ansia.

Mi sono svegliato con un senso di terrore. Sono andato in bagno e mi sono guardato allo specchio. Quello che ho visto non era nello specchio ma su di esso. C’erano le note che avevo scritto cercando di convincermi che stavo bene. “Sii il meglio che puoi essere.” “Sono una brava persona.” “Un giorno alla volta.”

Ho letto queste note. Ho provato a interiorizzarle. Volevo tanto che il senso di terrore sparisse.

Ogni giorno andavo al lavoro pensando: “Questo è un nuovo giorno”. Pensavo che se mi fossi impegnato duramente, se solo avessi avuto pensieri positivi, avrei potuto avere una giornata normale. Ma il senso di terrore non mi ha mai lasciato. A metà mattina mi sentivo un fallimento. A metà pomeriggio stavo resistendo a malapena.

Durante questi periodi ho letto libri di auto-aiuto: The Power of Positive Thinking (Il Potere del Pensiero Positivo)  e The Greatest Salesman in the World (Il più Grande Venditore del Mondo). Mi sono sforzato tanto per interiorizzare i messaggi. Mi sono sentito meglio per un po’. Ma dopo un’ora la mia ansia e il terrore erano tornati.

La notte non andava meglio. I pensieri negativi mi impedivano di addormentarmi. Temevo il giorno dopo perché l’ansia e il terrore sarebbero tornati. Dal momento in cui mi sono svegliato, mi sono sentito indegno. Sono andato in bagno. Ho guardato le note sullo specchio. Ho detto e ripetuto le parole. Cosa c’è che non va in me, ho pensato.

Ho fatto respiri profondi per alleviare quella terribile sensazione. Sin dal mio primo mattino ho cercato di fare respiri profondi. La colpa, l’ansia, il terrore e la paura avevano allentato la presa su di me. Sono andato a lavorare e ho fatto finta di stare bene. Nessuno sapeva che stavo combattendo questi demoni.

Molte volte stavo quasi per perdere la testa. I miei demoni avevano il controllo. Pensavo di essere all’inferno e di meritare di essere lì.

Ora non provo questi sentimenti quando mi sveglio. Non ho note attaccate allo specchio nel mio bagno. In questi giorni mi sento come immagino si senta la maggior parte delle persone normali. Ci sono voluti anni e anni per arrivare qui. Ho trovato lo psichiatra giusto. Ho trovato le medicine giuste. Ho trovato il giusto equilibrio nella mia vita.

Guardando indietro capisco che non ero una persona cattiva. Capisco che quei travolgenti sentimenti di ansia, colpa e terrore fossero il risultato della mia depressione bipolare. Mi guardo indietro e vedo chiaramente che avevo uno squilibrio chimico nel mio cervello. Lo vedo chiaramente perché quando ho trovato le medicine giuste, questi sentimenti si sono ridotti e presto sono svaniti.

Potresti provare questi sentimenti di ansia, colpa e terrore. Bene, sappi che non è perché sei una persona cattiva. È la malattia. Ma c’è aiuto e c’è speranza.

Mi ci sono voluti decenni per attraversare le fatiche della mia malattia e capire quello che capisco ora. Quando ero più giovane e attraversavo i periodi peggiori, ero perso. Oggi ci sono farmaci per alleviare il dolore e la sofferenza.

Forse quelle note hanno fatto la differenza aiutandomi a non impazzire. Forse i libri di auto-aiuto che ho letto hanno fatto la differenza. Non ne sono sicuro. So solo che sono ancora qui.

Articolo di riferimento in inglese

Rispondi