Anne Hathaway Interpreta una Donna Bipolare nella serie Modern Love

Anne Hathaway - Donna Bipolare in Modern Love

“Ci sono tante persone nella mia vita che amo profondamente che hanno ricevuto diagnosi psichiatriche, e questa cosa non definisce chi sono” ha dichiarato l’attrice.

Modern Love, la popolare rubrica del New York Times, è stata trasformata in una serie da Amazon, che l’ha presentata lo scorso mese (18 ottobre) con un fantastico cast di star di talento – tra cui Tina Fey, Dev Patel, Julia Garner e Andy Garcia. Ogni storia dura 30 minuti e accompagna gli spettatori in un viaggio alla scoperta di sé e dell’amore.

Già dal primo episodio sono rimasta fortemente impressionata, ma è il terzo della serie, con Anne Hathaway nei panni di una donna bipolare che naviga tra la sua carriera e le sue relazioni, che è il più sorprendente. A volte sembra persino un musical di Broadway grazie ai momenti di canto e ballo (c’è persino un omaggio a una canzone a tema di Mary Tyler Moore). Ma è il messaggio generale sulla salute mentale che è il più importante da tenere a mente.

Ispirato a due lavori dell’autrice Terri Cheney – la colonna scritta per Modern Love
intitolata “Take Me As I Am, Whoever I Am” (Prendimi come sono, chiunque io sia), e il
suo libro autobiografico, “Manic” – l’episodio parla di Lexi, un’avvocatessa brillante e
carismatica che ha nascosto la sua diagnosi bipolare ad amici e colleghi.

“Anne ha trasmesso magnificamente il carisma della mania”, afferma la Cheney a proposito della performance dell’attrice.

La Cheney sa in prima persona quanto sia difficile arrivare in maniera diretta attraverso lo schermo. “La mania è spesso affascinante, ma la depressione è un’altra storia. A volte è un’esperienza scoraggiante e molto difficile da descrivere o ritrarre. Anne l’ha catturata in un modo che non solo ha mostrato la sua angoscia, ma ha anche portato l’osservatore all’empatia. “

All’inizio Lexi sembra avere una vita glamour e piena di soddisfazioni: ha un guardaroba fantastico, un appartamento spazioso e una bella carriera. Può flirtare con disinvoltura e ottenere un appuntamento galante in pochi minuti. Ma poi la sua depressione si fa strada come un tornado. “Ho visto persone come Lexi, ci sono persone nella mia vita come Lexi e amo le persone come Lexi”, dice la Hathaway. “Ma non ho mai visto nessuno come lei sullo schermo. Quindi il fatto che mi sia stato chiesto di rappresentare qualcuno che forse non si è ancora mai riconosciuto sullo schermo e potrebbe rivedersi in questo episodio è stato entusiasmante per me “.

Per preparare il ruolo, Anne Hathaway ha parlato a lungo con la Cheney e ha usato il suo libro di memorie come guida. “Ho semplicemente lasciato che la storia di Terri diventasse la mia storia”, spiega. “Mi ha portato attraverso la fisicità di come ci si sente quando si è maniacali, quanto diventano pesanti gli oggetti quando ci si trova in questo stato dell’essere”.

Cheney spera che gli spettatori acquisiscano una maggiore comprensione di quanto possa essere complicata la malattia mentale e imparino a riconoscere quando i propri cari potrebbero essere in difficoltà. “Quando pensi alla malattia in termini di un volto familiare, è meno spaventosa e più facile da capire”, afferma. “Ecco perché avere una persona famosa come Anne che interpreta una donna con disturbo bipolare è così eccezionale: è un antidoto alla vergogna.”

Questo è anche il motivo per cui è stato così importante per la Hathaway raccontare la storia di Terri Cheney.

“Ci sono persone nella mia vita che amo profondamente che hanno ricevuto varie diagnosi psichiatriche e questa cosa non li definisce come persone”, spiega la Hathaway. “Ma in molti casi, a causa di una società intollerante, sono guardati con timore”

In particolare, la scena finale mira a cambiare questa realtà. Lexi alla fine si apre sulla sua condizione, e così facendo trova sollievo. È un momento importante per il personaggio e per Anne Hathaway. “Spero che le persone guardino quella scena e si rendano conto che a volte tutti la pensiamo così”, afferma l’attrice. “A volte andiamo tutti in giro con la sensazione di avere un elefante sul petto, ma non siamo soli. E non contiamo di meno per questo. Non siamo immeritevoli di amore per questo.”

La Cheney spera che questo episodio possa fornire uno strumento di insegnamento per coloro che non sanno come rispondere a qualcuno che sta attraversando un periodo difficile. “Dopo una vita vissuta con una malattia mentale, ho scoperto che la cosa più utile che qualcuno può dirmi quando soffro è” Dimmi dove fa male”, spiega. “Non voglio un consiglio. Non voglio essere rallegrata. Voglio solo essere ascoltata, ascoltata veramente. Il dolore è molto più sopportabile quando mi è permesso di aprirlo e condividerlo.”

Articolo di riferimento in inglese

Rispondi