Ipomania: Quando i Miei Momenti più Felici Diventano il Mio Peggior Nemico

Ipomania

L’ipomania mi spinge a produrre ai miei massimi livelli. Le persone mi trattano meglio e mi fanno più complimenti. Quindi è difficile riconoscerla come sintomo di instabilità che causerà una seguente crisi.

Sebbene sia la mania che la depressione abbiano portato scompiglio nella mia vita, l’ipomania può essere il mio tallone d’Achille quando si tratta di guarigione. L’ipomania non solo mi fa sentire (temporaneamente) bene, ma può anche farmi sembrare una superdonna. Sono piena di energia e divento più motivata e creativa.

Quando sono in fase ipomaniacale, tutti – i miei amici, la mia famiglia, i miei capi, i colleghi e persino la cassiera del supermercato — sembrano trattarmi meglio. Le persone mi fanno i complimenti per la mia acuta intelligenza, per la mia natura estroversa, e per il mio atteggiamento incredibilmente positivo. Quando sono elogiata per il mio comportamento ipomaniacale, è difficile vederlo per quello che è: un sintomo della mia malattia mentale.

L’ipomania e la mia carriera

Sono una graphic designer nell’industria del cinema e la mia vita lavorativa è tutt’altro che serena o costante. Il mondo del cinema è frenetico e stressante. I miei lavori arrivano a raffica; lavoro per diversi mesi mentre stanno girando un film e quando finisce, sono di nuovo disoccupata. Questo succede tre o quattro volte l’anno. Solitamente lavoro dodici ore al giorno, spesso sei giorni a settimana. Diversi uffici dipendono da me per risolvere emergenze dell’ultimo minuto, e appena un problema viene risolto, si presenta un’altra crisi.  Mi viene richiesto di produrre a un ritmo vertiginoso fino alla fine della mia giornata lavorativa. Poi ho solo un paio d’ore per rilassarmi ogni sera dopo il lavoro e finisco per dormire meno.

Quando sono in fase ipomaniacale, la mia tenacia è quasi illimitata. Completo velocemente le mie attività di progettazione con un sorriso sul volto. Dico di sì a tutti e segretamente provo l’orgoglio di poter fare di più della tipica persona “normale” (e stabile). Salto da una cosa all’altra, dimenticando spesso di mangiare o anche di fare delle pause in bagno. Mi preoccupo più di quanto posso fare in un giorno che di come mi sento davvero. È come se guidassi un’auto da corsa, accelerando e poi premendo ripetutamente i freni. Questo ambiente è il terreno fertile ottimale per l’ipomania. Dopo quattordici anni in questa professione, ho imparato, a mie spese, che il mio lavoro può scatenare il mio disturbo bipolare.

La parte peggiore è che sembro la dipendente modello, quindi sono costantemente elogiata per il mio comportamento malsano. Questo mi rende difficile prendermi cura di me stessa e riconoscere che l’ipomania è pericolosa. Poiché il mio lavoro premia questo comportamento, l’ho visto come un vantaggio. Per molto tempo, ho creduto che la mia ipomania fosse il motivo per cui avevo avuto successo.

L’ipomania e la mia salute

Ma l’ipomania non dura mai. Alla fine, vado in crisi. Quando un film termina, precipito nella depressione e mi ammalo fisicamente. Il mio corpo si disintegra e la mia mente va in frantumi. La fiducia che avevo scompare, e viene sostituita dalla paura che i miei successi siano stati fatti da qualcuno che non ero io. La mia passione ed energia si trasformano in ansia e tristezza. Questo tipo di stile di vita tra alti e bassi non fa bene a qualcuno con il disturbo bipolare. Non è certamente un ottimo modo per mantenere la stabilità o ottenere un recupero.

Un giorno particolarmente stressante durante il mio ultimo lavoro, mi sono resa conto che la mia vita lavorativa stava scatenando la mia malattia e questa stava alimentando la mia carriera. Fino a poco tempo fa, l’ipomania mi faceva sentire invincibile. Ora mi rendo conto che devo rallentare. Invece di essere guidata dal “cosa”, devo concentrarmi sul prendermi cura del “chi”. E quel “chi” sono io.

Sacrifici per la stabilità

Ora dormo 8 ore ogni notte e non sovraccarico più il mio programma quotidiano. Lavoro a meno progetti. Quando lavoro, lo faccio da remoto. Ho imparato ad accettare il fatto che per rimanere stabile potrei guadagnare di meno.

Non solo devo essere consapevole, ma anche gestire i miei trigger il più possibile. Il mio lavoro può essere uno di quei fattori scatenanti. Praticando una combinazione di autocoscienza e stabilendo confini sani, mi isolo dallo stato allettante ma distruttivo dell’ipomania. Ciò che devo fare per mantenere la mia salute mentale e fisica è in cima alla mia lista delle cose da fare.

L’ipomania può essere una dipendenza pericolosa, come una droga. Quando mi fa sentire bene e sembra bello a tutti gli altri, è difficile essere disposti a chiedere aiuto. Potresti non avere la stessa carriera, le stesse abitudini o anche le stesse espressioni di bipolarismo che ho io, ma spero che la mia esperienza possa servire come prova che, indipendentemente da quanto realizzi nella vita, il tuo benessere è la priorità più importante. Per me, il recupero è il risultato più importante.

Articolo di riferimento in inglese

Rispondi