Intervista a Eduard Vieta: Uno dei Maggiori Esperti Mondiali di Disturbo Bipolare

Eduard Vieta Pascual

Lo psichiatra Eduard Vieta Pascual (Barcellona, 1963) è uno degli specialisti del disturbo bipolare più importanti a livello mondiale. Oltre ad aver pubblicato oltre 600 articoli, è attualmente capo di Psichiatria e Psicologia presso la Clinica e direttore del gruppo Disturbi Bipolari dell’Area di Neuroscienze dell’August Pi Sunyer Biomedical Research Institute (IDIBAPS).

Perché ha deciso di trattare e fare ricerca su questa malattia?

All’inizio della mia carriera, mi sono interessato al comportamento umano in generale, ma i pazienti con disturbo bipolare sembravano affascinanti perché molti di loro hanno una vita spettacolare. Il disturbo bipolare è una malattia che ti porta sia agli estremi della miseria, della depressione e del pensare al suicidio, che all’euforia che ti rende iperattivo e ti fa fare cose che una persona sana non farebbe mai.

E, in un certo senso, questo può essere positivo.

Molte figure della storia con disturbo bipolare, come artisti, poeti, scrittori, musicisti e pittori, hanno ottenuto grandi risultati, perché il disturbo bipolare, se si unisce al talento, ti porta a uno stile di vita molto estremo. E, sicuramente, questo succede perché questa malattia esiste geneticamente dalla notte dei tempi, poiché in qualche modo porta un vantaggio evolutivo alla specie. Forse non per alcuni individui che soffrono di una forma invalidante della malattia, ma avere alcuni geni bipolari è sicuramente una buona cosa.

Si spieghi meglio

In qualche modo, [questi geni] forniscono un po’ di leadership, rischio, iniziativa, necessità di cercare nuove cose. Se uno è una persona con cambiamenti dell’umore, ma non esagerata, sicuramente la malattia ti rende più empatico e sensibile verso molte cose; d’altra parte, quando questo è portato all’estremo, implica disadattamento sociale.

E la croce della patologia…

Chi ne soffre finisce per non voler far soffrire la famiglia e chi li circonda, anche se molte volte, soprattutto nei casi più gravi, è difficile per loro essere consapevoli di essere malati e alla fine fanno cose sbagliate. La malattia li porta a fare scelte che non avrebbero preso, sia nella fase depressiva che in quella maniacale, in cui il paziente sviluppa comportamenti inappropriati, come dare denaro o spogliarsi in pubblico.

Quali complicazioni comporta la diagnosi di disturbo bipolare?

Ciò che rende difficile la diagnosi dei pazienti sono gli sbalzi d’umore così frequenti che sperimentano e il fatto che ci sono momenti in cui stanno bene. Inoltre, la malattia viene confusa con altre patologie, come la depressione più comune – che chiamiamo unipolare – e con dipendenza da sostanze stupefacenti, dal momento che ci sono pazienti che, quando sono accelerati o depressi, assumono droghe o alcool.

Quale stigma esiste ancora nella società riguardo a questa patologia?

Essere bipolari nel linguaggio comune è associato a qualcuno inaffidabile, instabile, imprevedibile, impulsivo o strano. E non è vero. La maggior parte delle persone con un disturbo bipolare non ha una personalità specifica. Se in qualsiasi momento si comportano impulsivamente, è perché stanno male. E dall’altra parte della malattia, quella depressiva, è esattamente l’opposto: si incolpano per ciò che non funziona, hanno bisogno di molto aiuto, ma invece neghiamo e stigmatizziamo.

Cioè, il disturbo non definisce la persona.

Avere un disturbo bipolare vuol dire avere una malattia che richiede l’adozione di alcune misure e cure: farmaci, psicoterapia e un certo stile di vita. Il risultato è che molte persone con questa patologia riescono a portare avanti una vita normale. In effetti, noti politici, calciatori, scrittori che soffrono del disturbo non lo rivelano per paura di essere stigmatizzati.

Come viene diagnosticata la malattia?

Lo specialista conduce un colloquio psichiatrico completo e conferma i criteri che definiscono la malattia. Quando la persona sta male, si verificano una serie di cambiamenti nel cervello che possiamo verificare con test complementari – attraverso imaging e studi genetici – che ci danno solo una diagnosi probabilistica. Il disturbo bipolare non è come la polmonite osservata ai raggi X.

Quindi…

La cosa più specifica che possiamo vedere per diagnosticare la malattia sono i cambiamenti comportamentali associati al disturbo bipolare, cioè ciò che il paziente e le persone che vivono con lui spiegano: è molto importante avere informazioni da diverse fonti perché molti pazienti non sono consapevoli di ciò che gli sta accadendo, non spiegano tutto così com’è.

Un esempio di ciò che una persona con questo disturbo può provare.

Dall’esterno possiamo osservare, nella fase depressiva, una persona che ha cambiato carattere: è diventata più introversa, gli studi sono peggiori, è più chiuso in sé stesso. Quando lo intervisti, spiega che la vita non vale la pena di essere vissuta e che i suoi amici lo hanno lasciato da parte. Potrebbe essere una depressione normale, ma in seguito finiamo per vedere i sintomi del polo opposto: la persona è più attiva e loquace del solito, si sveglia presto o va a letto tardi chiacchierando fino a notte fonda e incontrando nuove persone, una cosa esagerata.

Quali sono le cause del disturbo bipolare?

C’è una predisposizione genetica a soffrire della malattia. Molti dei pazienti hanno una storia familiare della patologia, a volte non etichettata perché in passato non veniva diagnosticata come ora (…) Questa predisposizione genetica significa che queste persone, specialmente in importanti periodi di cambiamento come l’adolescenza o quando si ha un figlio, si destabilizzano a causa dello stress.

Si spieghi meglio.

Ci sono un certo numero di sostanze che tutti produciamo per correggere una situazione di stress, e questi pazienti non riescono a regolarle bene. Una di queste è la dopamina, che la cocaina e, in misura minore, la caffeina stimolano. Se il cervello lavora più del necessario, la persona è nervosa e irrequieta, come se fosse accelerata; D’altra parte, la persona si sta perdendo, è come se sentisse che le mancano le batterie, non è eccitata per nulla, e magari non riesce neanche ad alzarsi dal letto. I cambiamenti in questa sostanza sono ciò che modifica il comportamento delle persone.

Qual è l’ultima ricerca a cui il suo team ha partecipato?

Il lavoro identifica i fattori che potrebbero aiutare nella diagnosi del disturbo bipolare, combinando i dati di neuroimaging e una tecnica chiamata machine learning – apprendimento automatico – in cui il computer ha confrontato le immagini del cervello di 3.000 pazienti [853 con la malattia e 2.167 sani] da una rete di centri di ricerca in tutto il mondo. È un progresso importante perché è risultata una affidabilità del 76%, percentuale mai raggiunta prima. Ma non è comunque abbastanza perché un test di questo tipo possa essere utilizzato, deve avere una specificità superiore al 90%. Ma sempre di più perfezioniamo le tecniche per garantire che con un test complementare la diagnosi possa essere confermata, come avviene in altre aree della medicina.

Per quanto riguarda le immagini cerebrali analizzate nello studio, quali somiglianze hai riscontrato tra i pazienti con disturbo bipolare?

L’immagine strutturale ha mostrato che le persone che hanno sofferto di questo disturbo per molto tempo hanno una certa perdita di materia grigia e della sostanza bianca, il che significa che l’esposizione alla malattia e le sue ricadute causano al paziente una una certa perdita di connettività, di massa cerebrale e questo implica che a volte subiscono un certo deterioramento delle loro capacità cognitive. Ecco perché la prevenzione è così importante, perché le persone che sono malate da molti anni, se non in trattamento, possono finire per subire questa perdita

Qualche altra differenza?

Nella risonanza funzionale, che studia come i neuroni si connettono tra loro, abbiamo visto che molte persone con disturbo bipolare hanno difficoltà a disconnettere la rete automatica – che tutti noi abbiamo – e che ci consente, ad esempio, di guidare mentre ascoltiamo la radio o parliamo. Le persone con disturbo bipolare hanno difficoltà a disconnettere questo pilota automatico quando fanno qualcosa che richiede concentrazione. E lo vediamo nei test di neuroimaging funzionale.

Essere in grado di disconnettere il pilota automatico è molto importante perché ti consente di adattarti a molte situazioni. Se sei assorbito, non presti attenzione a ciò che sta accadendo intorno a te. Questo è ciò che accade con molti pazienti che soffrono del disturbo. Succede anche quando stanno bene.

Qual è il trattamento?

Oltre ad altri farmaci, usiamo una sostanza naturale, il litio – che fa bene a molti pazienti – anche se dipende da caso a caso. E poi il paziente riceve supporto psicologico attraverso il quale gli insegniamo ad esaminare sé stesso; rendersi conto di ciò che gli sta accadendo, quando arriva una ricaduta e adottare uno stile di vita adeguato, e una serie di elementi che chiamiamo psicoeducazione, un trattamento stabilito in tutte le linee guida cliniche del mondo.

Qualche novità sul trattamento farmacologico?

Abbiamo scoperto diversi farmaci ma non sappiamo come prevedere se al paziente farà bene l’uno o l’altro. Dobbiamo testarli sulla base di informazioni cliniche, che possono essere un po’ soggettive. Ecco perché servirebbe la farmacogenetica. Due anni fa abbiamo pubblicato uno studio, condotto nell’ambito di un gruppo di ricerca internazionale, che è stato un progresso importante: ha rivelato che alcuni polimorfismi di un gene potevano prevedere se il litio avrebbe funzionato bene per il paziente.

Articolo di riferimento in spagnolo

Rispondi