5 Cose da Ricordare quando sei un Genitore Bipolare

Giovane madre e figlia - 5 cose da ricordare quando sei un genitore bipolare

Il tuo piano terapeutico, come genitore bipolare, dovrebbe tenere conto sia di te che dei tuoi figli.

Questo post esamina le sfide affrontate dai genitori con diagnosi di disturbo bipolare e fornisce alcuni spunti su come sviluppare un piano di recupero che includa il benessere dei figli.

Il disturbo bipolare

Avere il disturbo bipolare e imparare a gestirlo non è solamente difficile, a volte è quasi impossibile. Le sfide che affrontiamo sono insormontabili: dal vivere una vita caotica, senza una diagnosi, al trovare la diagnosi giusta e doverla accettare, alla determinazione di una giusta combinazione di farmaci e psicoterapia per gestire la patologia. Il team di professionisti con cui lavori è composto dal tuo psicoterapeuta, dal tuo psichiatra e / o qualsiasi altro professionista medico. Anche queste relazioni devono essere gestite. È parte integrante del tuo piano terapeutico.  C’è tutto questo, e poi devi gestire le bollette, il matrimonio e le esigenze del tuo partner. E anche il lavoro richiede impegno. E com’è avere un figlio?

I figli

Siamo onesti, crescere un bambino non è uno scherzo. Alcuni giorni sono meravigliosi, altri sono sopportabili e talvolta, per alcuni, ci sono giorni impossibili. Ci sono così tante complicazioni che possono sorgere quando si cresce un bambino, che sia tuo figlio o no, ma essere responsabili dell’educazione di un individuo, di una vita, può essere stressante. È una relazione affettiva complicata. I bisogni di un bambino differiscono a seconda dell’età, la personalità di un bambino richiede sviluppo e stimolo mentale. Prendi tutto ciò e aggiungi la tua malattia e otterrai un cocktail difficile da mandare giù.

La mia esperienza

Il mio periodo più impegnativo come persona che soffre di disturbo bipolare è stato quello come genitore a tempo pieno. Sono stata ricoverata in ospedale due volte in un anno dopo aver deciso di diventare un genitore full time. Pensavo che fosse la cosa più giusta per me quella di rimanere a casa. Ma non sono riuscita a farcela. Come persona bipolare mi sono trovata a soffrire i pieni effetti di un episodio misto: sintomi maniacali, disgusto per me stessa, scarsa igiene, pensieri suicidi costanti con l’aggiunta della psoriasi del cuoio capelluto e l’importante aumento di peso a causa di problemi alla tiroide.

Come madre ero esausta, prosciugata. Non avevo energia né desiderio di prendermi cura di tre bambini (con un neonato appena arrivato) che avevano tutti bisogni diversi che non riuscivo a soddisfare in alcun modo. Questi bisogni andavano da quelli più normali come l’alimentazione, a quelli più complessi, come la disciplina e l’insegnamento dei valori della vita. Ma come si fa quando si è seduti nella fossa della depressione, senza avere la minima idea di quando ne uscirai fuori? Come fai a fare da genitore a tuo figlio quando sei in stato maniacale, distratto da spese folli e scappatelle sessuali?

Tuttavia, ci sono modi per far funzionare le cose: si può osservare una situazione molto complicata e affrontarla un aspetto alla volta.

Ad esempio, mi sentivo molto in colpa quando guardavo al passato e pensavo a come mi comportavo con il mio primo figlio con la vita che conducevo. “Il mio povero bambino. Cosa ricorderà? Cosa penserà di me? Non sono abbastanza brava da essere chiamata sua madre.” Pensieri come questi offuscavano ogni positività o gioia che un bambino potesse portare.

La colpa mi ha soffocato.

Ho iniziato, tuttavia, a pensare alla mia vita come se fosse un libro, con capitoli e paragrafi che dettagliavano i miei sintomi, le mie decisioni e le conseguenze. Ho pensato al libro che si evolveva ad ogni capitolo. Ho pensato al ruolo dei miei genitori nella mia vita. Ho pensato ai personaggi che erano nel mio libro e ciò mi ha colpito. Sono un semplice personaggio nel libro della vita di mio figlio. Nel suo libro c’è molto di più di me. E anche se sono l’antagonista della sua vita, sono il catalizzatore della sua crescita. La mia vita, le mie decisioni danno forma al suo libro. E se non sono un personaggio così importante nel suo libro, va bene lo stesso. Il punto è che lui mi è stato dato come figlio tanto quanto io, genitore bipolare, gli sono stata data come madre. Come lo influenzerà questa cosa, lo dovrà raccontare lui nella sua storia.

E proprio così ho potuto respirare di nuovo. La colpa si è dissipata.

Con gli altri due figli non ho sofferto dello stesso senso di colpa, ma ho fatto l’errore di fare del disordine il centro della mia vita. A essere sinceri, non ero stata ancora diagnosticata quando ho avuto il mio primogenito e ho accettato la mia diagnosi soltanto dopo il terzo figlio. Ho attraversato una fase in cui tutto ciò che facevo, dicevo o sognavo riguardava il disturbo. Mi è stato consigliato di smettere di lavorare, ritrovare me stessa, trovare una tata che mi aiutasse nelle faccende domestiche. Mi è stato consigliato di concentrarmi sulla guarigione.

Ma quello di cui non mi ero resa conto era che mentre quelle cose andavano bene, mi isolavano dalla famiglia, che faceva parte del mio benessere. Mi sono sentita distaccata dalla loro realtà. Mi sono sentita esclusa dalla loro educazione. Quindi, per quanto sia importante concentrarsi sul disturbo, bisogna trovare modi per rendere il piano terapeutico “adatto alle famiglie”. A volte ci viene dato un consiglio che sarebbe più adatto a persone che non hanno figli o che non hanno vincoli economici. È importante parlare di questi problemi nelle sessioni di psicoterapia poiché il recupero dipende dalla ricerca e dal mantenimento di un piano terapeutico che funzioni sia per te che per la tua famiglia.

5 COSE DA RICORDARE:

1) Il tuo bambino non è la tua stampella

Non mettere il bambino in una posizione in cui debba assumersi la responsabilità della tua salute. Ciò equivale a metterli in una situazione che non possono controllare, il che è ingiusto. La tua diagnosi è una tua responsabilità. Quindi, specialmente con i bambini piccoli, non chiedere loro di ricordarti di prendere le tue pillole.

2) Tuo figlio non è lì per farti sentire in colpa

Molte persone si sentono in colpa quando avvertono i loro sintomi e sentono di deludere i propri figli. O peggio, quando pensano di togliersi la vita e viene loro detto “pensa ai tuoi figli”. La colpa si manifesta immediatamente. La depressione è uno squilibrio chimico nel cervello e non riflette il nostro amore o il nostro affetto per chi ci è più vicino. Il modo in cui ti senti durante la tua fase di depressione non riflette quanto ami i tuoi figli. È un amore incondizionato che supera gli effetti della tua malattia.

3) Sviluppa un piano terapeutico che tenga conto dei programmi e del benessere di tuo figlio

Non sviluppare un piano che non tenga conto, ad esempio, della routine del sonno di tuo figlio. Se hai bisogno di dormire di più, dormi quando loro dormono. Prendi le tue medicine quando loro prendono le loro vitamine o quando cominciano a mangiare. Costruisci il tuo piano terapeutico secondo la loro struttura in modo che la routine non si interrompa e che tu e tuo figlio vi sentiate al sicuro.

4) Il tuo bambino è un individuo, con una storia da raccontare

Sì, hai un disturbo bipolare ma anche il tuo viaggio fa parte della vita di tuo figlio. La tua storia si aggiunge al loro personaggio.

5) Usa la tua esperienza per capire come ti senti e insegnare a tuo figlio l’importanza di comunicare i propri sentimenti

Parte della tua terapia è capire il tuo umore e i tuoi fattori scatenanti. Devi capire te stesso. Puoi usare queste abilità e insegnare ai tuoi figli a parlare apertamente dei loro sentimenti e aiutarli a conoscere la loro salute mentale.

Articolo di riferimento in inglese

Rispondi