15 Sincere Affermazioni di Carrie Fisher sul Disturbo Bipolare

Riconosciuta ovunque come la Principessa Leia di Star Wars e rispettata come autrice molto prolifica, Carrie Fisher è stata una vera eroina per essersi ribellata allo stigma del disturbo bipolare. Ecco alcuni esempi delle sue sagge parole che hanno ispirato la comunità della salute mentale:

#1

“Una delle cose che mi sconcerta … è come possa continuare a esserci così tanto stigma per quanto riguarda le malattie mentali, in particolar modo il disturbo bipolare. Secondo me, vivere con il disturbo maniaco-depressivo richiede un’enorme quantità di palle.”

#2

 “Sono cresciuta in un’esistenza simile ad una bolla e ho pensato che se la gente avesse detto questa cosa su di me, l’avrei detta prima e lo avrei detto meglio. È il mio modo di provare a tenere sotto controllo la situazione.”

#3

 “Sai, vero, che la maggior parte delle malattie ha sintomi che puoi riconoscere? Come febbre, mal di stomaco, brividi, qualunque cosa. Bene, con il disturbo maniaco-depressivo ci sono promiscuità sessuale, spese eccessive e abuso di sostanze, e a me sembra un fantastico weekend a Las Vegas!”

#4

“A volte, essere bipolari può essere una sfida che ti consuma molto, che richiede tanta resistenza e ancora più coraggio, quindi se stai vivendo con questa malattia e riesci a far funzionare la tua vita, è qualcosa di cui essere orgogliosi, non di cui vergognarsi. Dovrebbero mettere in produzione delle medaglie insieme ai farmaci.”

#5

 “Il disturbo bipolare può essere un grande maestro. È una sfida, ma può aiutarti a fare praticamente qualsiasi altra cosa nella tua vita.”

#6

 “Il disturbo bipolare è un sistema dell’umore che funziona come il meteo. E’indipendente dalle cose che succedono nella tua vita. Io ho dei problemi, ma loro non hanno me!”

#7

“Ho dovuto essere all’altezza delle situazioni (non solo sul palcoscenico) per poter sopravvivere, quindi ora i lividi che ho addosso sono la mia benedizione e le responsabilità la mia forza.”

#8

“Pensala come un’opportunità per essere eroico, non eroico del tipo “sono sopravvissuto durante un attacco a Mosul”, ma una sopravvivenza emotiva. Hai l’opportunità per essere un buon esempio per gli altri che potrebbero condividere il nostro stesso disturbo.”

#9

 “E esilarante, dopo tutta la tossicodipendenza e il matrimonio e le malattie mentali e il divorzio e l’elettroshock e il cuore spezzato e la maternità e l’infanzia e il vicinato, mi sono riscoperta (a quasi 70 anni) una persona felice (vai a capire!).”

#10

 “Sono una spia a casa mia. Riporto dalle prime linee della battaglia che sono io. Sono un po’ perplessa dall’evento che è la mia vita.”

#11

“Sto bene, ma sono bipolare. Sto assumendo sette farmaci e li prendo tre volte al giorno. Questo mi mette costantemente in contatto con la malattia che ho. Non mi è mai permesso di liberarmene neanche per un giorno. È come essere una diabetica.”

#12

 “Quando avevo 24 anni, qualcuno mi ha detto che ero bipolare e ho pensato che fosse una cosa ridicola. Pensavo solo che stesse cercando di smettere di curarmi. Ma stava anche reagendo alla natura caotica della mia vita.”

#13

 “Ho due stati d’animo. Uno è Roy, il divertente Roy, l’umore dalla corsa sfrenata. E Pam, sedimento Pam, che sta sulla riva e singhiozza… A volte la marea è dentro, a volte è fuori.”

#14

 “Ho aspettato tutta la mia vita di ottenere un premio per qualcosa, ora ricevo sempre premi per essere malata di mente… Apparentemente sono molto brava in questo.”

#15

“Sono un essere umano che ha avuto la sua giusta dose di esperienze difficili e infelici. Nel corso del tempo, ho prestato attenzione, preso appunti e ho dimenticato facilmente la metà di tutto ciò che ho passato. Ma rifarò la metà che ricordo e la metterò ai tuoi piedi.”

Articolo di riferimento in inglese

Rispondi